Due cuori e un solo stipendio

23/3/2012

Come campare con 460 euro al mese in due?

Allora hai deciso che lo fai. Parti.

Per sei mesi lavorando a 600 euro al mese e dovendo pagare 250 euro di rata della macchina 600 euro di assicurazione e 500 euro di rata universitaria, ce la fai.

Riesci a mettere anche da parte 1000 euro. Come hai fatto?

  1. Piccoli trucchi di una moderna precaria. Vivere appoggiata a casa di Orietta. Povera Orietta, sono 2 anni che sto insieme al figlio e 1 anno e mezzo che vivo, praticamente a sue spese. Quindi per vivere “serenamente” a 31 anni e senza un lavoro fisso e continuando a seguire i propri sogni e il lavoro che non c’è, come prima cosa: cercare una Santa Orietta o una Santa Rosella, dipende dai periodi.

  2. Altro sforzo. Non comprare nulla. Questo vuol dire: Non uscire, non vedere negozi, non spendere. Riciclare vestiti.

    ( In questo viene in aiuto sempre grande Orietta che, essendo stata sarta, può trasformare un vecchio vestito dei 18 anni in un ultimo originalissimo tubino anni ’20).

  3. Cercare di usare una bicicletta  

    Quanto mi manca la mia. E mi raccomando...casco sempre ben allacciato e prudenza sempre

    Quanto mi manca la mia. E mi raccomando…casco sempre ben allacciato e prudenza sempre

    (meglio se usata, ancora meglio se trovata appoggiata ad un secchio dell’immondizia). La benzina costa troppo. Cominciati ad organizzare con gli autobus o la metropolitana. Inquini di meno e dimagrisci. Non fa nulla se per tornare a casa dovrai affrontare tigri, leoni e l’esibizionista del parco che sta proprio vicino casa tua. Caro mio questa città è una giungla.

  4. Rinunciare quasi definitivamente a cene fuori o uscite varie. A meno che non vuoi raggiungere i tuoi amici portandoti la cena da casa. Inventa una finta – rara allergia o semplicemente una rigorosissima dieta. Il picnic al ristorante è raro, ma può funzionare.

  5. Se proprio capisci che non vuoi più vivere a Roma => Vendere la macchina. Poco conta se la trovi bellissima, se l’hai pagata con mille rate e la stai ancora pagando. Se è piena di ricordi nonostante la giovane età. Non importa se consuma poco, perchè ha il GPL o se la devi vendere a un prezzo stracciato. Poco importa. Vendere la macchina è un passo indispensabile. Così, improvvisamente, ti ritrovi ricca. Sapendo però che con la metà di quei soldi ci dovrai coprire il resto delle rate, i buffi con la mamma e il dentista.

  6. Il dentista: appunto. Il tema del dentista è un tema “delicato”. Quanti denti devi curare? Quattro? Tutti da devitalizzare? Certo, sono sei anni che non vai dal dentista. La tua bocca ormai è un campo minato. Bisogna sempre stare attenti, e allora che fare? Uno si e uno no? Potrebbe essere una soluzione. Provare anche con il dentista della “Mutua”. Che paura!!!Quindi. Dentista serio, però col giusto compromesso: scegliere una parte della bocca. Almeno imparerai a mangiare solo da una parte e non farà male.

  1. Fatti due conti. I soldi accumulati, se non trovi lavoro, e manco “lavoretti” presto finiranno. Quindi bisogna organizzarsi in tutto.

  2. Qui inizia il bello della “spesa” intelligente. Che merita una nota a parte, soprattutto se stai all’estero:

  • Dimentica le bistecche e quasi tutte le proteine; tranne le uova e le carni bianche.

  • Reintroduci tutti i carboidrati possibili ed immaginabili, costano poco e riempiono.

  • Ovviamente di pure addio alla Barilla e comincia a comprare quella fantastica pasta color paglia e fieno. Se proprio sei una grande, o un grande, armati di mattarello e con due uova e un po’ di farina, ti fai due fettuccine. Successo garantito e la tristezza se ne vola via.

  • Sciampo, balsamo, cartaigienica, scottex, fazzoletti, e anche gli assorbenti. Fai una bella lista di tutti i prodotti.

  • Gira per i vari “supermercati”, prendi i volantini delle offerte e cerchia i più economici.

  • Per fare la spesa ti ci serviranno 6 giorni e mezzo. Ma che cacchio ti frega? sei un disoccupato non hai niente da fare, almeno passi la giornata. Vuoi mettere? Un litro di balsamo a 1 euro al Carrefour? E quando ti ricapita un’occasione così? Cosa? I tuoi capelli ora sembrano fieno? Bravo! Hai visto? Hai anche lanciato una nuova moda. Cosa? Ti stanno cadendo e sono sempre più deboli? A regazzì che ce po’ fa lo sciampo? Guarda tu padre c’ha solo due peli in testa, caro mio quella è genetica, non dà la colpa al Carrefour.

Se questi consigli proprio non ti bastano. Semplice, torna da mamma e papà e “battigli” gli ultimi loro spicci.

Tutti a 31 anni non vedono l’ora di andare da mamma e papà e dire loro “Mamma, papà, guarda, nonostante i vostri sforzi per farmi studiare ho capito che con questa laurea non ci faccio un cazzo. Non riesco a trovare un lavoro, manco come lavapiatti. Che mi dareste due spicci? Quel tanto che mi basta per campare”.

Certo, anzi, se proprio non vuoi andare da mamma e papà, va da tue sorelle che a 18 anni hanno deciso di smettere di studiare. Hanno girato il mondo e ora lavorano dove, come e quando gli pare…

E sicuramente “problemi economici” non ne hanno.

Mi domando, quando ero piccola ( più o meno quando stavo all’Università, quella vera, quella seria) più o meno una vita fa, ed ero povera in canna e mie sorelle se tagliavano e c’avevano già un botto di soldi nonostante fossero molto più piccole di me, mi ripetevo, e mi ripetevano: vedrai un giorno i tuoi sacrifici attuali saranno ripagati.

Vedrai, vedrai…Aoh io sto ancora qua, ma quando me li ripagano ‘sti sacrifici?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*