La mia seconda sorella

934889_576724195681018_1222387680_n

19/9/2013

Essere in tre è difficile, si sa.

Da grandi è pure bello, ma da piccole è difficile. Sei costretto tuo malgrado a trividere tutto. Per questo oggi non trivido nulla e dedico solo ad una: Azzurra.

C’era una volta una scimmietta.

Una scimmietta piccola piccola piccola, ma col la pancia sempre gonfia, forse fin da piccola si stava preparando ad assumere l’aspetto da “ ‘mbriacona” che avrebbe avuto da grande.

C’era una bimba, più una peste che una bimba, che non smetteva mai di combinare guai, al punto tale che un giorno sentii mia madre dire al telefono disperata “Non ce la faccio più se la dovessi rimproverare per ogni cosa che fa, non la smetterei mai di urlare”.

C’era una gnappa che stava sempre male, con il naso gocciolante e con gli occhi lacrimosi, e si perché quella specie di bacarozzetto era anche una piagnona. Piangeva per tutto, però non erano lacrime spontanee e sincere, soprattutto non erano lacrime era: Una lacrima.

Le scendeva sempre e solo una lacrima dall’occhio destro. Un lacrimone enorme, ma uno.

Mi sono sempre scervellata a capire come riuscisse a farsi scendere una sola lacrima.
Forse ha avuto una brava maestra. Del resto stando sempre a casa stava perennemente con mia nonna Clelia, la qual cosa era risaputa, pure lei era una bella attricetta.

Erano una bella accoppiata. Mia sorella e mia nonna. Buffe buffe insieme, gliele dava tutte vinte, anche quando scendevo io, anzi soprattutto quando scendevo io, la formica Puzzaiola. Non ci riuscivo a stare più di dieci minuti con loro.

Insieme erano insopportabili, specie quando, unite a Pierina vedevano le telenovelas. Poi mi chiedo perchè Azzurra piange oggi davanti a tutto, anche davanti alla pubblicità. Mia nonna si commuoveva anche di fronte al telegiornale di Emilio Fede.

Insomma quella scimmia di mia sorella da piccola era tremenda, e non da meno erano i suoi amici: Davide, Alessia F. e questi solo perchè furono i primi, immaginate gli altri.

Per non parlare dei suoi ragazzi. Uno peggio dell’altro e con due in particolare c’ho lasciato anche il mio di cuore.
Conoscete mia sorella? Mia sorella è una di quelle che magari non sarà altissima, ma non passa mai inosservata, e non perchè ha un bel corpo e un bel viso, o perchè quando cammina emana fascino, ma con naturalità, e questo non è da tutti. E già.

E’ scema, esaurita ed ha sempre ragione lei. Fino a qualche tempo fa era pure convinta che quello che faceva lei era tutto giusto e gli altri erano solo dei cretini, o dei falliti. Ora si è pure calmata in questo. E’ mia sorella, lo so, quindi sembra che esagero, eppure chi la conosce lo sa, non ci sono esagerazioni, tutta verità.

Mai conosciuta una persona così. (Alice non offenderti, oggi non è il compleanno tuo, per te c’è stato il matrimonio, ma oggi non si trivide nulla).

Oggi è così.
Ma, per finire il tema di quello che apprezzo di più di mia sorella c’è una cosa:                                                           l’assenza di rancore.
E’ una cacacazzi, una maniaca dell’ordine, una che non ti manda a dire nulla, eppure è piena di amici.

Mi sono sempre chiesta come tutto questo fosse possibile. Poi, grazie anche a quell’altra specie di mostro che ho accanto, mi sono resa conto di una cosa: è priva di rancore.

Sapete cosa significhi essere privi di rancore?
Per me è qualcosa che…ho cercato sul vocabolario: un’emozione data da un misto di rabbia e desiderio di rivalsa, protratto nel tempo, che si prova come conseguenza di un torto subito, sia esso reale o immaginario. Io questa sensazione la chiamavo semplicemente vita.
Riuscire a non provare risentimento per chi ti ha fatto un torto e ricordare di quella persona solo gli aspetti positivi. Questo è il pregio più bello che possa avere un Uomo o una Donna.

Mia sorella ce l’ha, ed è per questo che la stimo, con tutto il mio cuore…va bè si anche perchè mi deve prestare dei soldi, ma questo passa in secondo piano no?
AUGURI AZZA
Auguri Azzurra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*