La fine del Mae Crui e Vienna e la fine della mia storia d’amore

29660_1452933924382_5792077_n

6/9/2009 Tornata a Roma la sorpresa che trovai nell’uovo per la Pasqua fu la fine della mia storia. Non era la prima volta che succedeva. Gli eventi sono sempre gli stessi. Dopo un anno e mezzo di relazione, non ce la faccio più e comincio a diventare insofferente, talmente tanto insofferente che io stessa faccio fatica a sopportarmi. Così è stato da sempre. Così fu con Valerio, il mio primo ragazzo, allora avevo appena diciotto anni, così fu con Vito, continua a leggere →

Saturno Contro

6818982666_f0d3c14113_o

8/3/2009 Tutto sembrava mettersi per il meglio. La mia nuova amichetta era finalmente giunta qui. La Roma bella mi era venuta a trovare. Avevo passato due settimane splendide e finalmente ero riuscita a mettere il naso fuori casa, per ben più di un fine settimana, e stavolta non da sola. Tutto questo sembrava procedere per il meglio, ma il mio capo Ufficio stampa me l’aveva detto che Saturno era in opposizione. Gli astri quando ti si mettono contro, procedono e continua a leggere →

So socialista e pure del Pd

IMG_771b4db5650ba53e265c13576e4117cb (1)

11/2/2009 Facile da fuori, da fuori è sempre tutto più semplice. Come te li fai nuovi amici in una città nuova? Soprattutto in una città così piena di neve che non ti permette di frequentare un parco o una piazza. I principali punti d’incontro possono essere i locali, ma io non ho così tanti soldi. L’unico centro che mi permetto di girare sempre è il mercatino delle pulci sotto casa. Lì però gli unici con cui puoi fare amicizia sono i continua a leggere →

Pasolini e il teatro dell’Opera

Ohm

1/2/2009 Riscoprire Pasolini a Vienna. Linke Wien Zeile tutta dritta, Augustinerstrasse e poi il Filmmuseum. Andare al cinema alle tre del pomeriggio mi fa pensare a quando ero piccola, ma invece ho 28 anni e sono grande, grossa e giuggiolona. Entro. Non capisco niente di quello che mi dicono alla cassa. Ormai come è mia usanza qui vado un po’ a intuito. Ovviamente ogni volta che accade, sbaglio. Tessera annuale e 4€ in più per il biglietto. Potevo risparmiarmela, però continua a leggere →

Buongiorno Tenente. Adesso so chi sei e mi piaci ancora di più

proprio io

29/01/2009 Cosa c’è di più bello che svegliarsi la mattina e vedere scendere giù tanti piccoli fiocchi di neve? Apparentemente niente può essere più bello, ma invece scendi le scale e, a parte il freddo e il rischio di continui scivoloni, una città incantata ti sorprende. E’ lì calma e irreale, ma mai statica. In pochi giorni si è trasformata. Dal soleggiato autunno ad un nevoso inverno. L’unico aspetto che rimane costante: il freddo. Fa sempre più freddo. Devo andare continua a leggere →

Ho l’Ab internazionale che mi perseguita

Sola al centro di Vienna

26/01/2009     Per chi, ora che sono passati un pò di giorni, cominciasse a sentire una specie di sensazione remota, simile alla mancanza, vi riporto qui un aneddoto, per non dimenticare chi sono, così forse riuscirete a sostenere la colletta proposta per convincere il governo austriaco a tenermi qui ad interim. Un sole costante illumina queste nuove giornate viennesi, luoghi magici, diventano ancor più belli dei ricordi. Questa Piazza gigante non c’era nel mio primo viaggio qui, o almeno non me continua a leggere →

Vi saluto così

Immagine


18/01/2009

MAE – CRUI A VIENNA: Stage presso l’Ufficio stampa Ambasciata italiana a Vienna.

Dal 19/1/2009 al 19/04/2009

Sono partita che sembra debba stare via una vita, manco gli immigrati oltreoceano a inizi ‘900 facevano tutto quello che ho fatto io.

Lettere strappalacrime e un po’ strampalate per tutti.

Lunghi abbracci e addi.

Tutti che continuano a ripetermi…”Aoh stai fori tre mesi mica stai a partì pe la guera” In fondo è la mia prima esperienza all’estero.

Vi saluto così dalla mia nuova stanza

la mia nuova stanza

la mia nuova stanza

 

Quando uno va via per tre mesi non dovrebbe fare tante storie come le sto facendo io che ho fatto nascere il caso internazionale e ora anche il Giornalaio di Piazza Ragusa è al corrente del mio viaggio…però son fatta così che ci volete fare???


Questo è il mio essere e molti di voi ormai lo conoscono bene…

Quindi ora vi saluto ad uno ad uno cercando di non scordarmi nessuno, nessuno di tutti coloro che mi stanno sempre in mezzo ai piedi tutti i giorni, tutto il giorno.

Dalla mattina quando mi alzo e non so mai se mie sorelle, Azzurra e Alice stanno a dormire e se gli girerà bene o male la giornata…eppure che mondo sarebbe senza di loro?

Al mio primo “cartellino”…
Dalle chiacchiere della mia responsabile di Segreteria e da tutti i suoi libri,
dai “mamma mia dai che c’ho un sacco da fa, ora non ti posso dar retta” della mia vicina di scrivania, ai “sgrung” e i cornetti magici del mio collega e il caffè con la macchinetta grande del mio Grandecapo, l’unico Presidente che si porta in ufficio la sua macchinetta personale del caffè, con cotanto di formelletto da campo, ma le abitudini sono dure a morire soprattutto per chi come lui ha origini campane.

Al riposino pomeridiano in sezione con la serranda tirata giù a metà e a tutti gli iscritti che me sgamano sempre, ai dubbi di qualcuno e alle camminate minacciose, quasi una marcia da guerra (del resto loro hanno fatto le manifestazioni delle pantere del ’68 e dei movimenti duri e puri conoscono bene le mosse).

Adesso arriva e mi picchia, come minimo mi picchia, ma preferisco essere picchiata che rimproverata per la duecentesima volta”. Ai mille impicci, alle sigarette spente e riaccese, ai pensieri profondi e alle sere nelle interminabili riunioni, nelle quali entri con una idea, ne ascolti un’altra e a fine serata fanno il diavolo a quattro per ader via ribadendo il contraio.

Ogni volta con la stessa conclusione: “Loro, che stanno più in alto di te, semplice iscritto o responsabile, ancora non hanno deciso, quindi tuo compito è temporeggiare. Quindi a fine serata vai via con l’idea di aver semplicemente sprecato un’altra serata. Il più delle volte non è solo un’idea, ma pura verità”.

Alle tessere ancora da fare.
Agli hub che diventano ab…ma quella è una vannozzata, è il mio mostro con cui dovrò far amicizia prima o poi e quindi continuerà a seguirmi anche a Vienna, capirai.

mammina a papino…che quando sto a Roma vedo poco, ma quando sto fuori mi mancano da morire…
tutti i miei amichetti, a quelli che sono sempre qui e non partono mai e a quelli che mai sembrano ritornare, a quelli che ho ritrovato in questi mesi su facebook e a tutti voi…

Ciao

 


Casetta mia lontana lontana
Senza mamma e papà che mi fanno incazzare e mi stanno a sentire
Senza Alice e Azzurra sempre lì a rompere e consolare e a farti impazzire
Senza Ubino sdraiato sul divano
Senza le mille questioni del partito
Senza la porta della sezione che non rimane mai aperta

e la poltroncina del riposino pomeridiano
S
enza tutti i nostri casini e le nostre battaglie
Senza Brontolo che si ingrugna alza gli occhi al cielo te guarda e fuma e te dice

ma che vuoi dire?Io non la capisco questa…
Senza chi ti sta vicino nella difficile scelta tra il thè e la cioccolata,

senza chi ti sta vicino anche quando non c’è
Senza te
Come farò come farò senza tutti voi…mmmhhh

Va bè resisterò…Ciao Belli miei !!!

Vi voglio bene
Arianna