Lettera di un’Aec che domani non comincerà a lavorare

So che la mia figura non ha senso per molti. Alcuni proprio non ne conoscono l’esistenza, altri ne ignorano il significato, il ruolo e la sigla. Io credo che il mio nano mi apprezzi.   Oggi gliel’ho detto: “Domani comincerai senza di me, sei contento?”. Ha battuto le mani, quando fa così vuol dire di si. E’ dispettoso quando vuole. Io domani non ci sarò lì sul corridoio ad aspettarlo, come ho fatto negli ultimi tre anni. Mi dispiace, si comincerà continua a leggere →

A volte, momenti

Pensieri al vento

Ho alzato il bicchiere. Il vino rosso girava intorno lasciando cadere righe intense segno di una buona qualità. Il sigaro acceso nell’altra mano in sostituzione di altro mi dava uno strano senso di potere. Mi ero ormai messa in testa che ero forte, ero donna. ero io. Invece non ero nessuno, non ero nulla. Mille dubbi. Era la mia prima volta. Per la prima volta avevo amato e per la prima volta avevo scoperto che l’amore può finire. Insieme a continua a leggere →

L’ultimo comunista

FB_IMG_1465245309622

Questa che ci stiamo per lasciare alle spalle e, permettetemi di dire: che ci stiamo per togliere dalle palle, è una campagna elettorale strana, unica nel suo genere. Ma no, ma che me frega a me dei 4-5 Stelle, o del calo del PD. C’è da stupirsi dell’una o dell’altro aspetto? In fondo non è sempre la stessa storia? Crollo dei consensi del grande partito di massa, ma che comunque sta sempre là, perchè in fondo Renzi ha fatto il continua a leggere →

Epistemologia del Capo

Il mio Capo_ Famiglia

IL GEMELLO DIVERSO O SOCIO DOPPIO E’la condizione fantozziana in cui ti vieni a trovare quando devi: lavorare per due soci, peggio ancora se imparentati in un certo qual modo, che la pensavano in maniera del tutto differente e sono problemi. Di buon mattino ti metti lì e di buona lena fai tutto. Quando ormai tutto é pronto e tutto sistemato arriva l’altro socio.Quello meno meticoloso, quello che ovviamente non ti aveva detto nulla sul come fare il tuo lavoro. continua a leggere →

Il giorno del genio.

Immagine di Lorenzo Manetti.

  Il giorno del genio lo vivi quando fai quel qualcosa di stupido, ma così stupido che ti autoconvinci che non possa essere solo colpa tua. La colpa é del destino. Anche se, rileggendo la tua agenda personale ti rendi conto che forse la tua vita è piena di giorni del genio e allora pensi che il genio sia semplicemente diventato il tuo spirito guida. E’ venerdì…Un venerdì…Sono le 17:00 e ho attaccato alle 8:30. Il nostro fantastico lavoro, sempre ben continua a leggere →

Essere figlia di un ciclista.

12695720_10208542654385471_2038132931_n

Significa vedere tuo padre amare la sua bicicletta più di sé stesso Significa sentirlo beffeggiarti perché la sua bici costa tre volte tanto il tuo agognato motorino (che non ti comprerà mai perché troppo pericoloso). Significa vederlo sfrecciare insieme a tanti altri lungo strade assolate di paesini deserti, dove tu con tua madre e tue sorelle cerchi una fontanella per bere alle 2 di pomeriggio. Ora fissata per la partenza, mentre tutti i negozi sono chiusi. (sei in un paesino sperduto continua a leggere →

Anche a Carnevale Fashion si nasce non ci si improvvisa

IMG_c8a81f32427890ba98dee7022204ece7

12/3/2014 E così, dopo aver passato tre giorni con loro (le mie fashion sorelle), in piena crisi d identità vengo rapita da una vocina nella mia testa che mi dice:” vai allo specchio, guardati, sei bellissima!”. Ubbidisco, cercando di capire se è una parte del mio subconscio, quella parte che per molti anni è andata in letargo, oppure è una registrazione. Mia sorella sta tentando di ipnotizzarmi con qualche strano marchingegno? Non lo so, ma sembra funzionare, perché mi alzo continua a leggere →

L’abito della sposa ceciona

La sposa ceciona

23/9/2012 È un po’ che non scrivo. Perché? Semplice, perché mi sto scervellando a trovare un lavoro e non mi piace continuare con i piagnistei. Però a un certo punto mi sono ritrovata a scegliere un vestito da sposa…e che non lo racconti???Ovviamente non si tratta del mio. Stiamo scherzando? Dio ce ne scampi e liberi. Stiamo parlando di quello di mia sorella.     Ora, c’è da fare alcune premesse. Mia sorella è una tipa molto particolare. È alta, continua a leggere →

La mia seconda laurea

La mia seconda laurea

11/7/2012 E poi alla fine arriva…La mia seconda laurea. Ce l’ho fatta, lo volevo fare e l’ho fatto. Nonostante gli anni, nonostante tutti quelli che mi dicevano che non ce l’avrei fatta, nonostante quelli che mi dicevano che mi stavo degradando, nonostante tutti, ieri è arrivata la mia seconda laurea e il mio primo 110. Sono arrivata talmente spavalda a questo giorno che quasi mi gongolavo all’idea di essere l’unica che non aveva la tesi rilegata. E l’unica a sentirsi continua a leggere →

La crisi dello Zero. 30 anni

IMG_5adea6d542950ad406c38ba87cf8c208

15/11/2010 A volte è questione di numeri e lo Zero è il mio. Mi perseguita ogni qualvolta si raggiunge la cifra tonda. La mia è la crisi dell’anno 0. Nasco nel 1980 l’anno tondo. E come molte cose tonde, anch’io rimbalzo e mi posso rompere, anzi il più delle volte più che altro rompo. Quel tragico 1980 E’ l’anno della strage di Ustica, della morte di Bachelet (assassinato in quella che un giorno sarebbe diventata la mia università). E’ l’anno continua a leggere →